Cos’è il 5G, come funziona e soprattutto farà male?

Redmi Note 7- finalmente un vero best buy!
30 Gennaio 2019
Huawei Mate X il futuro degli smartphone
3 Marzo 2019

Cos’è il 5G, come funziona e soprattutto farà male?

Con le prime reti previste già entro la fine del prossimo anno, la rivoluzione promessa dal 5G sta arrivando prima del previsto. Ma cos’è esattamente il 5G e come cambierà lo scenario tecnologico globale?
Il 5G è il nuovo standard per la comunicazione mobile: assicura una velocità di download e upload molto elevata. La caratteristica del 5G che lo differenzierà dai precedenti standard comunicativi è la velocità di connessione. Secondo gli operatori il 5G dovrebbe essere tra le 100 e le 1000 volte più veloce rispetto al 4G LTE.
Tutti gli operatori mobili si stanno muovendo per essere pronti a lanciare nei primi mesi del 2020, e se ci riescono anche entro la fine di quest'anno, un qualche servizio "presentabile" come 5G. Questo non vuole dire che il 2020 sarà l'anno della transizione al 5G: ci vorrà parecchio di più. La stessa GSM Association non si sbilancia più di tanto e prevede che entro il 2025 sarà passato al 5G solo il 12 per cento delle connessioni mobili di tutto il mondo. Un numero comunque rispettabile, se consideriamo che vuol dire circa 1,1 miliardi di connessioni (in utenti unici, però, molti meno).
Non mancano poi le perplessità che riguardano l’impatto ambientale di una tecnologia che richiederà l’installazione di migliaia di nuove antenne per la trasmissione dei segnali. Che effetti avrà tutto ciò sull’uomo? Purtroppo non esiste letteratura scientifica sufficiente sul 5G. Del resto sarebbe stato impossibile valutare gli effetti dei ripetitori su una popolazione in vivo, prima che questi fossero istallati. Sarebbero stati utili studi epidemiologici sugli animali, mai fatti, ecco perché il 5G rappresenta un’incognita assoluta.